Spread the love

Saper riconoscere il tipo di pelle che abbiamo è importante per almeno tre motivi, vediamo quali:

  1.  Comprare i prodotti giusti

Non è per niente scontato: se infatti ogni tanto snobbi la tua estetista di fiducia che conosce la tua pelle e ti consiglia il meglio per te, e ti fai tentare dai prodotti che trovi in profumeria, almeno devi farlo con cognizione di causa. Puoi anche comprare una crema o uno scrub o qualsiasi altro prodotto della miglior casa cosmetica ma se non è adatto per il tuo tipo di pelle avrai solo buttato via soldi.

2. Fare i trattamenti giusti

Intendo quando sei a casa e hai voglia di fare un trattamento al viso (quando sei nel tuo centro ci pensa la tua operatrice). Se infatti hai una pelle sensibile e utilizzi uno scrub in modo troppo violento rischi di farti male. Oppure se hai la pelle grassa e fai troppe volte lo scrub rischi di ottenere il famoso effetto rebound (che in parole povere è quello per cui tu strusci come una forsennata e la pelle per proteggersi produce ancora più sebo).

3. Ritardare l’invecchiamento

Una volta che sai che tipo di pelle hai e che caratteristiche ha sarà più facile prendersene cura per rallentare il processo di invecchiamento (che comincia dai 25 anni!).

 

Detto questo vediamo i tipi di pelle:

  • Pelle secca

La pelle secca è quella che normalmente “tira”. Senti la pelle tesa, ruvida o squamosa? Noti che spesso si screpola, magari è sottile ed è poco elastica? Hai decisamente la pelle secca, cioè quel tipo di pelle che trattiene pochissimo l’umidità. Le tue ghiandole sebacee producono poco sebo e quindi la pelle si desquama. La brutta notizia è che se hai la pelle secca i segni del tempo si vedranno prima. Quella buona è che ci sono tutti i prodotti per rimediare. E’ molto importante per te bere tanta acqua ed usare creme molto idratanti e ricche. Gommage e maschera d’obbligo almeno una volta alla settimana, nel tuo caso idratanti o ricche di acido jaluronico e/o collagene. Prenditi particolare cura anche del contorno occhi, nel tuo caso è ancora più importante.

  • Pelle grassa

Questo tipo di pelle è caratterizzata da un aspetto lucido e da una meravigliosa sensazione di untuosità che ci accompagna tutto il giorno. Di solito alla pelle grassa si accompagnano pori dilatati e brufoli e comedoni anche in età adulta. La bella notizia è che questo tipo di pelle tende a mostrare i segni dell’invecchiamento in maniera molto attenuata e molto più tardi del normale. Per la cura della pelle grassa noi consigliamo di usare pochi prodotti ma ottimi. Importante: non bisogna sollecitarla troppo con detergenti troppo aggressivi o scrub indiscriminati per evitare l’effetto rebound di cui parlavo sopra.

  • Pelle mista

La pelle mista è una pelle che è grassa nella zona T (fronte, naso e mento) e normale o secca altrove. Questo tipo di pelle va trattata a zone, quindi nella zona T va trattata come pelle grassa e nelle altre come pelle normale o secca. In linea di massima è importante osservare una detersione da manuale e poi usare un idratante leggero la sera mentre al mattino applicare una crema specifica nella zona T e l’idratante sul resto del viso.

  • Pelle sensibile

La pelle sensibile tende ad arrossarsi spesso. E’ un tipo di pelle normalmente dalla grana molto fine sulla quale si notano subito i segni del tempo. E’ una pelle facilmente irritabile soprattutto a causa di prodotti sbagliati e dagli sbalzi di temperatura. Importantissimo utilizzare prodotti di ottima qualità, delicati, senza profumo e soprattutto senza nikel.

  • Pelle normale

La pelle dei sogni, quella che hanno pochissime elette. La pelle normale non ha particolari criticità e si presenta con un colorito roseo e sano, senza macchie. Non è particolarmente delicata, anzi, è resistente e compatta. In questo caso l’unica necessità è mantenere questo equilibrio il più a lungo possibile grazie soprattutto a prodotti idratanti da combinare con prodotti anti age.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *